Ethics code of conduct

Tencolaser, richiamandosi ed integrando quanto espressamente regolamentato dai principi generali, dalle norme di legge, dal vigente CCNL, con il presente Regolamento, riservato a tutto il personale, intende fornire un orientamento preciso in merito ai propri principi, ai comportamenti da adottare e non adottare in azienda, agli obiettivi di sicurezza e di benessere collettivo, alla qualità a cui tendere nell’esecuzione del lavoro e nel servizio offerto al Cliente (interno ed esterno), fulcro centrale del nostro mondo.

Obblighi preliminari

L’assunzione del collaboratore è subordinata all’accertamento preventivo di idoneità ai compiti e mansioni a cui lo stesso sarà dedicato, ma anche ai concetti di integrità morale, professionale ed in genere stile che dovrà essere in linea con quanto l’azienda sostiene ed è orientata a mantenere nel tempo: uno stile sobrio, umile, ma nello stesso tempo smart, veloce, di grande efficienza, collaborativo. L’ufficio del personale è responsabile della procedura di assunzione e delle comunicazioni da e verso il nuovo assunto. È responsabilità invece del collaboratore fornire all’Ufficio del personale i propri dati anagrafici, previdenziali/contributivi, fiscali ed ogni altra informazione necessaria alla corretta gestione del rapporto di lavoro e tenere aggiornato il medesimo ufficio in relazione ad eventuali variazioni sui medesimi dati. L’azienda non risponderà di ritardi od imprecisioni amministrative derivanti da negligenze dell’interessato.

Formazione

A tutti tutto il personale sarà garantita la necessaria formazione in materia di sicurezza e di salute nel posto di lavoro; a tal proposito si ricorda che la formazione in tale ambito è obbligatoria. Inoltre il collaboratore verrà sottoposto ad un percorso specifico formativo con riferimento al ruolo ed alle mansioni che lo stesso andrà a svolgere ed agli strumenti/attrezzature che dovrà nel concreto utilizzare.  Durante il percorso formativo il Responsabile di riferimento compilerà un documento di valutazione volto a stimare l’idoneità del collaboratore e l’eventuale gap formativo rispetto ai requisiti richiesti, da colmare attraverso le attività di affiancamento e/o partecipazione a corsi specifici.

L’azienda ritiene cruciale che vi sia un costante aggiornamento ed una continua ed approfondita formazione, ma soprattutto che il sapere (know-how) aziendale venga diffuso e condiviso tra tutti. È fondamentale infatti creare procedure, regole, modalità operative, veri pilastri del sistema azienda, che rappresentano il modus operandi della stessa garantendole continuità a prescindere dai percorsi delle singole persone.

Risorse e strumenti informatici e di comunicazione

Computers fissi/portatili e programmi software installati sono da considerarsi strumento di lavoro: vanno pertanto utilizzati e conservati, insieme ai relativi documenti di corredo, con diligenza e cura, attenendosi alle prescrizioni fornite dall’azienda. In particolare:

  • il collaboratore non può installare e/o modificare programmi di propria iniziativa e/o modificare la configurazione del sistema in dotazione;
  • l’accesso al computer, ai programmi applicativi ed alle varie funzionalità messe a disposizione del collaboratore avviene previa autenticazione (password). Il collaboratore ha la responsabilità di cambiare la password assegnatagli dall’Amministratore di Sistema. Tale password deve essere al minimo lunga otto caratteri ed includere sia cifre sia lettere; inoltre il collaboratore è obbligato a cambiare la propria password su base almeno semestrale, non riutilizzando password precedentemente usate ed evitando di adottare password scontate e/o facilmente prevedibili;
  • il collaboratore ha la responsabilità di custodire con diligenza la propria password (ed i dispositivi fisici eventualmente in suo possesso). In nessuna circostanza egli è autorizzato a condividere le proprie credenziali di autenticazione con altre persone;
  • in caso di allontanamento, anche temporaneo, dalla postazione di lavoro il collaboratore deve bloccare lo schermo;
  • Internet può e deve essere utilizzato dal collaboratore esclusivamente a supporto all’attività lavorativa; in internet sono disponibili tutti i manuali d’uso e di installazione di ogni macchina, impianto ed attrezzatura;
  • le cartelle utenti presenti in rete nei server Tecnolaser sono aree di condivisione di informazioni strettamente professionali e non possono, in alcun modo, essere utilizzate per scopi diversi. Il collaboratore dovrà inoltre procedere a pulire/manutenere tali cartelle sistematicamente, evitando di occupare spazio inutile per informazioni, file, immagini, disegni non più necessari;
  • in caso di cessazione del rapporto di lavoro, il collaboratore non potrà in alcun modo effettuare cancellazioni di file/cartelle presenti in rete, o nel proprio computer aziendale;
  • durante il periodo di collaborazione è fatto divieto al collaboratore di scaricare file/cartelle dalla rete verso cartelle locali e/o dispositivi esterni. In nessun caso le informazioni aziendali o prodotte nell’ambito della collaborazione posso essere utilizzati a fini diversi, o trovarsi in copia su sistemi diversi da quelli aziendali già descritti. Ciò vale anche nel caso di copia/trasferimento dei file in quanto allegati di posta elettronica;
  • la posta elettronica è uno strumento finalizzato esclusivamente allo scambio di informazioni nell’ambito dell’attività lavorativa. Le comunicazioni via posta elettronica devono utilizzare un linguaggio corretto e professionale nel rispetto della normativa vigente e del presente Regolamento. La casella di posta elettronica deve essere mantenuta in ordine, cancellando documenti inutili e soprattutto allegati ingombranti. È obbligatorio porre la massima attenzione nell’aprire file allegati di posta elettronica: attenzione ai file sospetti, non aprire in alcun caso file eseguibili o effettuare downloads. In caso di dubbio avvertire sempre l’Amministratore di sistema prima di effettuare qualsiasi operazione. Il personale è ritenuto responsabile nel caso in cui venissero contratti virus a causa di comportamenti non rispettosi del presente regolamento. La firma del messaggio di posta elettronica deve rispettare i criteri standard definiti a livello aziendale per tutti i collaboratori: non sono consentite firme “personalizzate”, così come l’eventuale foto inserita deve essere coerente con lo stile aziendale.
  • ogni utilizzatore delle caselle di posta elettronica aziendale è consapevole ed accetta di delegare il proprio Responsabile (o persona diversa dallo stesso indicata su opposito modulo) ad accedere per proprio conto alla propria casella di posta, durante assenze prolungate o in caso di interruzione del rapporto di lavoro, al fine di assicurare la continuità del business aziendale;
  • nel caso in cui sia fornito al collaboratore un telefono cellulare si precisa che lo stesso viene concesso in uso esclusivamente per lo svolgimento dell’attività lavorativa, essendone vietato ogni altro utilizzo. Il collaboratore è pienamente responsabile della sua custodia, salvaguardia e corretto utilizzo.

Accesso ai reparti ed uffici

L’entrata e l’uscita dall’azienda va sempre segnalata mediante l’uso del badge personale.

Non è consentito lasciare l’azienda durante l’orario di lavoro salvo permesso espresso da parte di un Responsabile, così come è vietato, fatta salva espressa autorizzazione, trattenersi all’interno dei reparti e/o uffici fuori dell’orario di lavoro.

L’accesso ai reparti e/o uffici deve avvenire nel rispetto degli appositi percorsi segnalati nelle planimetrie che si trovano installate in azienda. In particolare nella zona produttiva è obbligatorio seguire i percorsi pedonali e di attraversamento segnalati ponendo sempre la massima attenzione ai carrelli elevatori in movimento ed alle dinamiche dei processi produttivi in corso.

È previsto il parcheggio dell’autovettura all’interno dello stabilimento per i soli collaboratori espressamente autorizzati. Mentre il parcheggio di biciclette e ciclomotori negli appositi spazi predisposti all’interno dell’area di stabilimento è consentito a tutto il personale fino ad esaurimento degli spazi disponibili.

Visitatori ed appaltatori esterni

É vietato l’accesso ad uffici e reparti a persone esterne non autorizzate.

Nel caso di visite di clienti, fornitori, consulenti ed ospiti in genere è auspicabile che tali visite vengano preventivamente pianificate e ne venga data notifica all’Ufficio Back-Office. In particolare nel caso di visite di gruppo (delegazioni) dovrà essere preventivamente definito l’accompagnatore ed identificata in modo standard la procedura di visita con itinerari ben definiti, documenti da rilasciare o far firmare ed eventuali strumenti di protezione da consegnare.

Il personale dell’Ufficio Back-Office è comunque incaricato e responsabile dell’accoglienza dei visitatori e della “prima comunicazione” in genere, sia a mezzo telefono che via posta elettronica (casella: info@tecnolaser.com), che dovrà essere svolta con la massima disponibilità e gentilezza.

L’ospite presente in azienda dovrà essere registrato, allo stesso dovrà essere consegnato apposito cartellino distintivo, quindi condotto alla sala d’aspetto, in attesa che sopraggiunga il Responsabile di riferimento, precedentemente avvertito della sua presenza. Il Responsabile dovrà invece provvedere all’eventuale fornitura di DPI (dispositivi di protezione individuali), qualora necessari, e vigilerà sull’utilizzo, durante la visita, dei percorsi di sicurezza appositamente predisposti.

Qualora venga affidata un’attività a terzi da svolgersi presso l’azienda, il Responsabile QSA ed i collaboratori in genere coinvolti, dovranno garantire il corretto adempimento di quanto previsto dalle norme in materia di sicurezza sul lavoro e da questo Regolamento.

Principi etici

CORRETTEZZA

La correttezza, l’onestà e l’integrità morale sono un dovere indefettibile per tutti in azienda.

I collaboratori non possono instaurare alcun rapporto privilegiato con terzi che sia frutto di sollecitazioni esterne finalizzate ad ottenere vantaggi impropri. Nello svolgimento della propria attività i collaboratori sono tenuti a non accettare donazioni, favori o utilità di alcun genere e, in generale, a non accettare alcuna contropartita al fine di concedere vantaggi a terzi in modo improprio, neanche se ipoteticamente intesi a vantaggio dell’azienda. L’intrinseca convinzione di agire nell’interesse della Tecnolaser non esonera i collaboratori dall’obbligo di osservare puntualmente le regole ed i principi del presente Regolamento.

 INDISCRIMINAZIONE

Tecnolaser evita e ripudia ogni discriminazione concernente l’età, il sesso, la razza, gli orientamenti sessuali, lo stato di salute, le opinioni politiche e sindacali, la religione, la cultura e la nazionalità dei suoi interlocutori, favorisce invece l’integrazione, intende promuovere il dialogo interculturale, la tutela dei diritti delle minoranze e dei soggetti deboli.

RISERVATEZZA

Il collaboratore è obbligato ad osservare la più stretta riservatezza in riferimento alle informazioni, dati, notizie, immagini, modalità operative, documenti (anche riferite a clienti, fornitori o terze parti in genere) ai quali avrà accesso direttamente o indirettamente in azienda, a non rivelarli ad alcuna altra persona fisica o giuridica, ivi inclusi colleghi, che non siano espressamente autorizzati all’accesso a tali informazioni.

L’obbligo di non divulgazione e confidenzialità è a tempo indeterminato e resta fermo anche qualora dovesse cessare il rapporto di lavoro con Tecnolaser.

Qualsiasi violazione dell’obbligo di riservatezza o, in generale, delle norme di legge poste a tutela dei dati aziendali e/o personali dei collaboratori/clienti/fornitori comporterà l’applicazione delle sanzioni previste dalla legge e/o disciplinari interne, oltre alla richiesta di risarcimento del danno eventualmente arrecato come risultanza alle violazioni perpetrate (anche se la richiesta dovesse provenire da una terza parte).

DILIGENZA E LEALTA’

I collaboratori, avendo la fiducia dell’azienda, sono tenuti ad operare sempre per favorire gli interessi della stessa, nel rispetto dei valori di cui al presente Regolamento, svolgendo le mansioni assegnate con assiduità, precisione, scrupolo, al fine di elevare la qualità dei rapporti, del servizio e dei prodotti e quindi la soddisfazione del Cliente.

Tecnolaser si impegna ad adottare ogni provvedimento utile ad evitare qualsiasi forma di favoritismo nel processo di selezione e crescita del personale utilizzando criteri oggettivi e meritocratici, nel rispetto delle persone, dei ruoli ed ovviamente nell’interesse al buon andamento dell’azienda. La crescita dei collaboratori equivale alla crescita dell’azienda ed è pertanto sempre perseguita e favorita. La società si impegna inoltre ad offrire al proprio personale un ambiente di lavoro sano, sicuro e rispettoso della dignità dei lavoratori.

Politica per la Qualità

Tecnolaser intende perseguire gli obiettivi di Qualità Totale, basando la propria politica di gestione sui seguenti punti fondamentali, per i quali è richiesta piena adesione da parte di ogni collaboratore:

  • scrupolosa e puntuale pianificazione e controllo dei processi aziendali, interni ed esterni, direttamente incidenti sulla qualità dei prodotti e servizi realizzati;
  • validazione delle attività gestionali ed operative, al fine di soddisfare pienamente le esigenze del Cliente servito, assicurando costantemente l’assoluta conformità alle prescrizioni, siano esse contrattuali, oppure obbligatorie per effetto di leggi e regolamenti, applicabili a livello nazionale ed internazionale;
  • riguardo alle richieste di fornitura, accettazione dei soli contratti per i quali possa essere assicurato, in funzione del know-how e delle risorse aziendali, il completo rispetto dei requisiti qualitativi;
  • ricerca, valutazione ed attenta sorveglianza dei fornitori di materie prime, semilavorati, componentistica e di servizi, impostando con tali fornitori un rapporto di reciproca collaborazione, definendo puntualmente regole e controlli, per consentire un miglioramento continuo delle prestazioni dell’azienda stessa e dei suoi partners, ed un assoluto rispetto degli standard richiesti;
  • costante attenzione alle esigenze dei Clienti, ai risultati delle indagini sul grado della loro soddisfazione ed ai rapporti provenienti dalle analisi delle forniture, affinché, sia possibile perseguire un costante miglioramento dei prodotti realizzati e dei servizi connessi erogati e quindi della qualità percepita dal Cliente;
  • mantenere l’azienda a livelli di eccellenza, con riferimento organizzazione, alla comunicazione ed ai prodotti e servizi realizzati, tali da potersi distinguere e venir scelta anche e soprattutto per questo;
  • mantenere buoni rapporti con tutti gli interlocutori, affinché siano migliorate con continuità le prestazioni aziendali anche in rapporto alle esigenze ambientali, di salute e sicurezza sul lavoro, in tema di responsabilità sociale e di sviluppo delle risorse del territorio;
  • valorizzazione delle Persone ad ogni livello, al fine di stimolare una sempre maggiore motivazione e coinvolgimento del personale nel miglioramento continuo dei processi, prodotti e servizi, degli ambienti di lavoro, della sicurezza per i lavoratori, nonché dell’efficienza complessiva.

Per la realizzazione di quanto sopra, Tecnolaser intende applicare e migliorare costantemente il proprio Sistema di Gestione per la Qualità, con riferimento alla norma UNI EN ISO 9001.

Obiettivi specifici coerenti con la visione strategica qui espressa, traguardi misurabili e programmi operativi per il perseguimento della Politica per la Qualità e di destinazione delle risorse, sono definiti ed aggiornati, con l’apporto di tutto il Personale e ratificati in occasione delle riunioni periodiche di Riesame del Sistema di Gestione per la Qualità effettuate dalla Direzione Generale.

Comportamento

Il rispetto e l’educazione devono essere sempre centrali nei rapporti tra collaboratori, evitando linguaggi offensivi, comportamenti inopportuni, frasi killer ed inutili diverbi, con l’obiettivo di lavorare assieme, rispettandosi e mostrandosi sempre e comunque gentili e comprensivi nei confronti di colleghi, clienti, fornitori ed ogni altro eventuale interlocutore. La gentilezza, dedizione e disponibilità devono essere sempre immediatamente riconosciuti come “stile aziendale”.

La Direzione deve essere informata di tutti i comportamenti non corrispondenti alle indicazioni sopra riportate.

I compiti impartiti da un Responsabile devono essere eseguiti con la massima diligenza segnalando, peraltro, tutti gli inconvenienti operativi, con lo spirito di collaborazione, suggerendo eventuali soluzioni dettate dalla propria esperienza.

L’atteggiamento propositivo è un valore aziendale.

Comportamenti non in linea con quanto sopra richiamato saranno sanzionati.

 

Politica della salute e sicurezza

Al fine di raggiungere e perseguire costantemente gli obiettivi della salute e sicurezza sul luogo di lavoro, Tecnolaser intende adottare un Sistema di Gestione della Sicurezza e Salute sul luogo di lavoro (SGSSL), come parte integrante della propria organizzazione lavorativa.

La Direzione Aziendale si impegna affinché:

  1. Sia considerato una priorità il rispetto della legislazione vigente in materia di sicurezza e salute nel lavoro;
  2. Le informazioni riferite ai rischi aziendali siano diffuse a tutti i lavoratori; la formazione degli stessi sia effettuata ed aggiornata con specifico riferimento alla mansione svolta;
  3. Sia garantita la consultazione dei lavoratori, anche attraverso il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza, in merito agli aspetti della sicurezza e salute sul lavoro;
  4. Tutti i lavoratori siano formati, informati e sensibilizzati nello svolgere i compiti loro assegnati in sicurezza e per assumere le loro responsabilità in materia di SSL;
  5. Tutta l’organizzazione aziendale partecipi, secondo le proprie attribuzioni e competenze, al raggiungimento degli obiettivi di sicurezza assegnati;
  6. La progettazione delle macchine, gli impianti e le attrezzature, i luoghi di lavoro, i metodi operativi e gli aspetti organizzativi siano realizzati in modo da salvaguardare la salute dei lavoratori, i terzi e la comunità in cui l’azienda opera;
  7. Si faccia fronte con rapidità ed efficacia alle necessità emergenti nel corso delle attività lavorative;
  8. Siano promosse la cooperazione tra le varie risorse aziendali, la collaborazione con le organizzazioni imprenditoriali e con Enti esterni preposti.
  9. Siano privilegiate le azioni preventive e le indagini interne a tutela della sicurezza e salute dei lavoratori, in modo da ridurre significativamente le probabilità di accadimento di incidenti ed in particolare di
  10. Siano riesaminati periodicamente la Politica, gli Obiettivi e l’attuazione del SGSL allo scopo di ottenere un miglioramento continuo del livello di sicurezza e salute sul lavoro in azienda.

Sicurezza sul lavoro

PREVENZIONE:

La prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali ed il rispetto delle norme contrattuali e di legge costituiscono un obiettivo fondamentale al quale tutto il personale deve tendere.

Si richiamano i principali obblighi a carico di ogni collaboratore:

  • Abbigliamento: è obbligatorio l’utilizzo della divisa aziendale in area produzione. Per il resto l’abbigliamento deve essere consono, sobrio e professionale. Vige l’obbligo di utilizzare calzature fornite dall’azienda, idonee a garantire la sicurezza.
  • É vietato portare bracciali, collane e orologi quando ciò costituisce pericolo in relazione all’uso di macchine e/o attrezzature.
  • É vietato l’uso di cuffie o auricolari musicali.
  • É vietato l’uso personale di telefoni cellulari. In caso di necessità, previa autorizzazione del diretto Responsabile, sarà consentito l’utilizzo del telefono dell’azienda per chiamate verso l’esterno o per ricevere comunicazioni dall’esterno.

DPI- DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE E PREVENZIONE INFORTUNI

É obbligatorio l’uso di dispositivi di protezione individuale (guanti, scarpe, occhiali, maschere, tute, grembiuli, cuffie antirumore ecc..) secondo le prescrizioni previste nei singoli punti di lavoro dal documento di valutazione dei rischi e dal medico competente, o secondo quanto previsto dai manuali d’uso dei macchinari, impianti ed attrezzatura, che, anche qualora non disponibili fisicamente, si intendono comunque fruibili attraverso consultazione on-line.

Secondo quanto previsto dalle norme sulla sicurezza è dovere di ogni collaboratore richiede la sostituzione dei DPI usati in dotazione, qualora usurati o non più efficaci. La dotazione dei DPI è strettamente personale e ciascuno deve utilizzarli con la diligenza necessaria, conservandoli in modo adeguato.

Ogni collaboratore dispone, nello spogliatoio, di apposito armadietto personale per il cambio di abbigliamento e la custodia delle dotazioni.

USO DI MACCHINE E ATTREZZATURE

É obbligatorio, al fine della tutela della propria ed altrui sicurezza, attenersi alle seguenti disposizioni e divieti:

  • utilizzare in modo corretto macchine, apparecchi, attrezzature ed utensili secondo le istruzioni ricevute e nel rispetto dei manuali d’uso che, anche qualora non disponibili fisicamente, si intendono comunque fruibili attraverso consultazione on-line;
  • è vietato manomettere protezioni e dispositivi di sicurezza, modificarli o asportarli;
  • è obbligatorio segnalare al proprio Preposto di reparto o al Dirigente qualsiasi anomalia o situazione di pericolo;
  • in caso di anomalie di funzionamento o di inconvenienti non rientranti nell’intervento dell’operatore, per la complessità del problema, si deve richiedere l’assistenza del Responsabile astenendosi da operazioni che esulano dalle proprie competenze;
  • si devono osservare le avvertenze poste sulle macchine, attrezzature ed impianti attenendosi in ogni caso a tutte le istruzioni ricevute durante l’addestramento ed il successivo aggiornamento, ed ai manuali disponibili fisicamente e/o on-line;
  • vanno conservati accuratamente libretti di istruzione e schede di manutenzione di ogni singola macchina e/o attrezzatura.

RACCOMANDAZIONI SULL’USO DEI MACCHINARI:

In ottemperanza a quanto previsto dalle norme sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, solo a titolo esemplificativo si pone l’attenzione sulle seguenti prescrizioni:

  • è vietato l’uso di carrelli elevatori da parte del personale non abilitato e comunque non addetto a tale operazione;
  • è vietato usare i carrelli elevatori per trasporto di persone e per effettuare lavori in quota di qualsiasi tipologia;
  • è vietato usare telefoni o dispositivi aziendali durante la guida, per necessità di servizio fermarsi prima dell’utilizzo;
  • è richiesta la massima attenzione ed il rispetto di tutte le regole scritte o di buon senso durante l’utilizzo di mezzi di movimentazione od attrezzature pericolose o che potrebbero arrecare danno a cose e/o persone;
  • è fatto obbligo al personale che effettua trasporti su strada con mezzi aziendali o usa mezzi aziendali, anche all’interno delle aree aziendali per servizio, osservare la massima diligenza e cura del mezzo oltre ad attenersi alle norme di legge in materia di sicurezza e circolazione stradale; il collaboratore deve altresì informare l’azienda di eventuali necessità manutentive ed altresì avvertire di anomalie riscontrate durante la guida.

INFORTUNIO SUL LAVORO

In caso di infortunio sul lavoro, di qualsivoglia entità, il collaboratore deve denunciare immediatamente l’accaduto al Responsabile del reparto e/o ufficio che provvederà, a seconda dei casi, ad acconsentire all’uscita o all’accompagnamento al pronto soccorso dell’infortunato. Sarà avvertito il Responsabile delle emergenze che dovrà agire immediatamente, coinvolgendo personale addetto interno/esterno

Il Responsabile, unitamente al responsabile delle emergenze ed all’RSPP aziendale, provvederà a far pervenire all’Ufficio del Personale dettagliato rapporto sull’accaduto procurando le idonee dichiarazioni da parte di eventuali testimoni.

Il collaboratore dovrà far pervenire all’azienda, entro il giorno successivo, la certificazione sanitaria affinché quest’ultima possa dar luogo agli adempimenti a proprio carico.

L’azienda non riconoscerà infortuni mancanti della tempestiva informazione come sopra indicato.

Prevenzione

VISITE MEDICHE PERIODICHE (SORVEGLIANZA SANITARIA)

Con la periodicità fissata dal medico competente nominato ai sensi di legge tutti i collaboratori verranno sottoposti al controllo sanitario con la cadenza e le modalità previste dal protocollo concordato. Tale adempimento è obbligatorio: in caso di rifiuto il collaboratore incorrerà nelle sanzioni di legge e disciplinari interne, tra cui la sospensione immediata dal lavoro.

É fatto obbligo ad ogni collaboratore di riferire tempestivamente (anche non in occasione del controllo periodico) al Medico competente ogni sintomo in qualche modo collegabile all’attività svolta.

Ai fini della prevenzione è fatto obbligo alle collaboratrici di comunicare il proprio stato di gravidanza appena questo venga accertato affinché l’azienda possa valutare i rischi derivanti dalla mansione svolta ed eventualmente provvedere alla modifica dello status lavorativo.

MANUTENZIONE

Fa parte della prevenzione curare la pulizia e manutenzione delle macchine, attrezzature, utensili in dotazione ed in genere della propria postazione di lavoro.

I danni arrecati per mancata pulizia e manutenzione ordinaria, negligenza ed uso improprio degli strumenti ed attrezzature saranno sanzionati con addebito a carico dell’inadempiente.

Agli operatori di macchine, linee di produzione ed attrezzature è fatto divieto di eseguire manutenzioni straordinarie riservate agli specialisti e/o manutentori esterni. Ai collaboratori, non appartenenti al reparto Manutenzione, sono consentiti i normali interventi di uso o manutenzione previsti per l’operatore alla macchina e per i quali lo stesso sia stato adeguatamente addestrato, nel rispetto delle istruzioni ricevute e dei manuali di uso e manutenzione specifici, disponibili fisicamente o on-line.

Il Responsabile è tenuto a far osservare, controllandone il comportamento, le norme previste dal presente Regolamento, nelle proprie aree di competenza sia ai collaboratori interni che al personale dipendente da terzi (autisti, manutentori, ecc.).

Informativa Privacy

Con riferimento alle informazioni riferite al collaboratore di cui Tecnolaser verrà in possesso nel corso del rapporto di lavoro, conformemente a quanto previsto dall’articolo 13 del Regolamento EU 679/2016, si definisce che:

  • Titolare del trattamento. Titolare del Trattamento è Tecnolaser S.r.l., in persona del legale rappresentante pro tempore, Giuseppe Tonello, con sede in Curtarolo, (PD) Via Garibaldi 8, cod. fisc. 00619500283 e P. Iva IT00619500283 contattabile ai seguenti recapiti: Tel +39.049.9624711 fax +39.049.9624747 mail privacy@tecnolaser.com
  • Responsabile del Trattamento: Il Responsabile del Trattamento è la sig.ra Giordana De Bardi contattabile ai seguenti recapiti Tel +39.049.9624736 fax +39.049.9624747 mail giordana.debardi@tecnolaser.com.
  • I dati (dati identificativi, dati relativi alla famiglia, dati relativi all’istruzione ed al lavoro, coordinate bancarie, dati riferiti allo stato di salute compatibilmente con le esigenze lavorative, adesioni ad associazioni sindacali per la gestione dei permessi, dati riferiti alla compatibilità tra situazioni di salute ed obblighi lavorativi, altre informazioni politiche e/o religiose volte a gestire permessi aziendali) verranno trattati in relazione alle esigenze contrattuali ed ai conseguenti adempimenti degli obblighi legali, fiscali e contrattuali, per consentire una efficace gestione dell’elaborazione e pagamento della retribuzione. Vengono inoltre raccolti Dati Personali dei familiari del collaboratore per le seguenti finalità:
    • Al fine di corrispondere assegni famigliari sul cedolino paghe
    • Motivazioni fiscali (Modello 770, Certificazione Unica e Detrazioni Fiscali)
    • Gestione opzionale fondi previdenza per Famigliari
    • Gestione del Welfare Aziendale
  • il Trattamento è necessario per garantire quanto richiesto dagli obblighi legali e contrattuali e pertanto l’eventuale rifiuto a fornirli, in tutto o in parte, darà luogo all’impossibilità per l’azienda di dare esecuzione al contratto o di svolgere correttamente tutti gli adempimenti, quali quelli di natura retributiva, contributiva, fiscale e assicurativa, connessi al rapporto di lavoro.
  • le seguenti categorie di soggetti possono venire a conoscenza di dati del collaboratore, in qualità di Responsabili o incaricati del trattamento, nominati da Tecnolaser:
    • Personale Interno: il proprio diretto Responsabile gerarchicamente individuato nell’organigramma aziendale, i collaboratori dell’ufficio personale, dell’ufficio amministrazione, dell’ufficio IT, la Direzione
    • Personale/Aziende Esterne: Enti pubblici (INPS, INAIL, ITL, Agenzia delle Entrate, Centri per l’Impiego, ULSS/ASL, Fondi o Casse anche private di previdenza e assistenza, etc.), Studi Medici in adempimento degli obblighi in materia di igiene, salute e sicurezza sul lavoro, Società di Assicurazioni, Istituti di Credito, Associazioni di Categoria alle quali abbia conferito specifico mandato (es. Sindacati), Organizzazioni Imprenditoriali cui aderisce l’azienda (es. Confindustria), Fondi Integrativi (es. Assicurazioni per versamento TFR).
  • I dati raccolti non verranno trasferiti fuori della comunità europea.
  • I dati vengono conservati per 5 anni oppure per il periodo necessario all’esecuzione del contratto di lavoro, e per il tempo previsto dalle disposizioni di legge.
  • L’interessato ha diritto di chiedere al Titolare l’accesso ai propri dati ai sensi dell’art. 15 del GDPR, la rettifica dei dati ai sensi dell’art. 16 del GDPR, di ottenere la cancellazione dei dati nei casi previsti dall’art. 17 del GDPR, di ottenere la limitazione all’utilizzo dei dati da parte del titolare nel caso in cui sussistano i presupposti di cui all’art. 18 del GDPR, di opporsi al trattamento dei dati ai sensi dell’art. 21 del GDPR ed infine di ottenere ai sensi dell’art. 20 del GDPR la portabilità dei propri dati verso altro titolare.
  • I dati verranno protetti, gestiti elettronicamente e per nessuna ragione diffusi. Potranno essere comunicati a terzi solo nei seguenti termini:
    • a soggetti pubblici e privati, che possano accedere ai dati in forza di disposizione di legge, di regolamento o di normativa comunitaria, nei limiti previsti da tali norme;
    • a soggetti che abbiano necessità di accedere ai dati per finalità ausiliarie al rapporto che intercorre tra l’azienda ed il collaboratore, nei limiti strettamente necessari per svolgere i compiti ausiliari (si citano, a titolo indicativo, gli istituti di credito);
    • a soggetti nostri consulenti, nei limiti necessari allo svolgimento del loro incarico per conto della nostra organizzazione, previo nostra lettera di incarico che imponga loro il dovere di riservatezza e sicurezza.